Consigli di Viaggio in Croazia. Dritte per un roadtrip.

Dopo oltre un mese in giro per la Croazia è giunto il momento di scrivere un articolo con alcuni consigli di viaggio in Croazia. Primadi iniziare, è bene fare qualche precisazione. Abbiamo viaggiato via terra a bordo del nostro furgone scendendo dalla Slovenia.  Abbiamo esplorato tutta la costa dall’Istria fino ad arrivare a Dubrovnik. Già che c’eravamo abbiamo fatto una escursione in Serbia in Montenegro e siamo ripartiti in traghetto. Un roadtrip di tutto rispetto! In tutto ciò abbiamo trascorso una settimana in barca a vela partendo da Dubrovnik. In parole povere, abbiamo girato e visto tanto.

Consigli di Viaggio in Croazia
Dubrovnik – Entrata del porto antico

Consigli di viaggio in Croazia

Strade da percorrere.

Se l’intenzione è quella di fare un roadtrip di una o due settimane, lascia perdere le autostrade. Seppur ampie nuove e abbastanza ben organizzata (si è solo una), percorre solo l’entroterra. Utilizzando le strade più piccole che costeggiano l’adriatico gli scenari sono assolutamente mozzafiato. Le montagne finiscono letteralmente nel mare con delle coste a picco realmente impressionati. Girando la testa verso il mare, sembrano riemergere e formare quello che in realtà è l’arcipelago delle Isole Incoronate. Personalmente, un panorama di questo genere non l’ho visto da nessun’altra parte.

Croati al volante.

Più che uno de consigli di viaggio in Croazia è una constatazione. In Croazia corrono. Usano il clacson continuamente. Ti si attaccano al di dietro. Sorpassano da destra, sinistra, dall’alto e dal basso. Detto questo, calma e sangue freddo. Anche se possono sembrare degli scalmanati sono bravi conducenti. O meglio piloti…

Spiagge in Croazia.

Per quanto riguarda il mare all’inizio siamo rimasti quasi sorpresi. Nell’immaginario collettivo la Croazia è uno dei posti migliori per andare al mare e fare la lucertola in spiaggia. Quasi. Le spiagge praticamente non esistono. Nella stragrande maggioranza dei posti ci si può fare il bagno da piattaforme di cemento, scogli e spiagge di pietre alle quali bisogna abituarsi. Se cerchi spiagge grandi di sabbia fine sei fuori strada.

Consigli roadtrip Croazia
Il saluto al sole a Zara

Detto questo, il mare è spettacolare. L’acqua è trasparente e cristallina praticamente ovunque. La costa è cosparsa di una miriade di cale e calette in cui abbiamo passato ore ed ore. I bar sono a portata di mano sempre per le birrette d’emergenza.

Cosa mangiare in Croazia.

Con grande sorpresa, abbiamo scoperto che la maggior parte della gastronomia in Croazia è a base di carne! Nei vari menù la sezione steak/grill/secondi è prevalentemente composta da piatti di carne. Le cose che ci sono sembrate più rappresentative sono: i cevapcici, i burek e il maiale o agnello alla campana. Una maniera molto peculiare di cucinare è con la peka. E’ un metodo che si conosce anche in varie parti di Italia in realtà. Si tratta di un tegame rotondo metallico che una volta riempito con quello che si vuole cucinare se mette sotto le braci.

Per quanto riguarda la cucina di pesce, la varietà non è vastissima. I piatti che vanno per la maggiore sono le cozze, vongole, gamberi, scampi, aragosta, ecc alla buzzara. In parole povere alla marinara, con una buona base di vino e pomodoro. Il polpo è molto presente soprattutto alla brace e in insalata. Soprattutto nelle isole è infine pratica molto comune mangiare il pescato del giorno. Vanno per la maggiore cernie e scorfani… semplicemente spettacolare.

Se vuoi saperne di più su cosa mangiare in Croazia, puoi utilizzare il link che ti ho appena lasciato.

Passare il confine con Bosnia e Montenegro

Durante il nostro viaggio abbiamo attraversato il confine con Bosnia e Montenegro. Se viaggi con la tua macchina sarà necessario munirsi di Green Card. In parole povere, si tratta di una assicurazione valida per i Paesi extra-europei. Ovviamente non ne sapevamo niente e abbiamo avuto qualche inconveniente. Zio Google, che ha dato abbastanza i numeri durante tutto il nostro viaggio nei Balcani, ci consigliava di passare da qui. Nessuno parlava inglese e non ci lasciavano attraversare il confine. Il tutto trattenendo i nostri passaporti. Alla fine siamo riusciti a capire il problema. Non avevamo la Green Card e per poter attraversare il confine bisognava andare in una zona di frontiera con una dogana più grande. Ci siamo quindi diretti a Kamensko dove per 20 euro siamo riusciti a comprare un permesso di circolazione di 7 giorni. Il permesso per circolare in Montenegro ci è invece costato giusto 15 euro.

Roadtrip in Croazia. Consigli di viaggio
La nostra mascotte, Mellallo mentre attraversiamo il confine con la Bosnia.

Se viaggi con un’auto’ a noleggio, chiedi al momento del ritiro come funziona con la loro flotta. Potrebbero avere il permesso di attraversare il confine oppure no.

Infine se viaggi in alta stagione, evita di attraversare i confini di giorno. Fa un caldo esagerato e le code possono durare anche più di due ore. Di sera invece non c’è nessuno e si passa in 5 minuti.

Tasso di cambio e carte di credito.

In Croazia si usa una moneta chiamata Kuna. Uno dei nostri consigli di viaggio in Croazia è quello di cambiare gli Euro sul posto. Noi ci siamo stati in agosto 2018, con un cambio ufficiale di circa 7,4  Kuna/Euro. Le banche prima di partire ci applicavano un cambio di 6.9 Kuna/Euro. Una volta arrivati in Croazia, ci siamo resi conto che è possibile cambiare i letteralmente ovunque. Siamo riusciti a convertire gli euro perfino in alcuni (pochi) bar e tabacchini. Il tutto a un cambio molto più favorevole di quello applicato dalle banche.

Un consiglio di viaggio molto importante riguarda l’uso di carte di credito. Nel 95% dei posti in cui siamo stati, tanto guesthouses come campeggi, ristoranti, ecc ecc non accettavano carte di credito. L’unico posto dove siamo riusciti a usare le carte di credito senza problemi sono stati i supermercati appartenenti a grandi catene.

Prezzi dei parcheggi in Croazia.

In linea di massima non è molto caro parcheggiare. Nelle principali città quali Zara, Spalato e Pula, il prezzo dei parking si aggira sulle 10 kuna/ora (poco più di un euro). Solo a Dubrovnik abbiamo constatato che i prezzi dei parcheggi sono folli. Parliamo di un minimo di 7 euro all’ora. Dopo aver fatto un pò di conti, abbiamo preferito lasciare il nostro furgone in parcheggi pubblici a pagamento, sulle strisce blu insomma, senza pagare. Abbiamo preso 2 multe e abbiamo risparmiato parecchio. Assolutamente senza senso.

Dormire in furgone in Croazia.

Già che ci siamo, un valido consiglio di viaggio in Croazia riguarda il dormire in furgone o camper. Non è permesso ovunque. Soprattutto nelle zone costiere e turistiche non si vede praticamente nessuno che lo fa. Bisogna cercare un camping o un autocamp. I prezzi sono parecchio accessibili se non si hanno troppe pretese.

Consigli per viaggiare in Croazia.
Vista aerea di una passarella nel parco nazionale di Plivitce

Nell’entroterra, nella zona di Plivitce, parecchi ristoranti ti lasciano parcheggiare dopo la cena e passare la notte nel loro parcheggio. Molti espongono un simbolo di un camper o di una roulotte direttamente nell’insegna del ristorante. Non entriamo nel dettaglio di Plivitce tra i nostri consigli di viaggio in Croazia per un semplice motivo. Una volta arrivati in zona abbiamo lasciato perdere l’entrata perché essendo agosto l’abbiamo trovata piuttosto cara ma, soprattutto, per la quantità di turisti che vedevamo entrare.

Concludiamo i nostri consigli di viaggio in Croazia con un piccolo reminder. Se sei già pronto per partire e stai cercando dove dormire, non dimenticare di utilizzare lo sconto di Booking.com che trovi sul nostro blog.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami