Pannelli solari da viaggio e da trekking

I pannelli solari da viaggio sono di grande aiuto nel momento in cui sai che per lunghi periodi di tempo non avrai la possibilità di attaccare i tuoi dispositivi ad una presa di corrente. L’idea di questo articolo ci è venuta in mente dal momento che, una volta comprato il nostro furgone, passeremo svariati giorni senza poterci alla rete elettrica. La preoccupazione principale sarà quella di poter continuare ad utilizzare i computer e l’internet station per poter lavorare.

Dopo un paio di giorni persi tra amperaggi, voltaggi, hertz e altre cose strane di cui non ci si capisce niente, tutte le informazioni sono state concentrate e semplificate all’osso in quest’articolo.

A grandi linee possiamo dividere le fonti di energia portatili in alcune macrocategorie, principalmente in base a cosa dobbiamo ricaricare.

Batterie portatili con pannelli solari integrati

Questi power banks si possono utilizzare quasi esclusivamente per ricaricare cellulari e altri accessori elettronici di dimensioni ridotte. Il prezzo oscilla tra i 16 e i 40 euro a seconda delle capacità di immagazzinamento dell’energia, porte usb in uscita, velocità di carica, alcuni di questi marchingegni sono anche resistenti all’acqua e intemperie varie. Su amazon si vendono per veramente pochi euro e dal momento che la concorrenza è alta, gli sconti sono all’ordine del giorno. 

pannello solare trekking

Attenzione! La caratteristica più importante alla quale devi prestare attenzione è la dicitura mAh (milliapere). Si tratta della misura di energia che il power bank può immagazinare. Giusto per capirci:

  • Un Samsung Galaxy S5 ha bisogno di 2.800 mAh per caricarsi completamente. Il che vuol dire che ad esempio con questo powerbank da 10.000mAh, lo carichi 3 volte e ti avanza pure un pò di carica per le emergenze.
  • Un iPhone 7 Plus richiede circa 3.000 mAh per ricarcarsi. Pertanto, anche in questo caso puoi ricaricare il tuo cellulare 3 volte circa
  • Un tablet Samsung ad esempio, diciamo un Tab 4, ha bisogno di quasi 7.000 mAh per caricarsi completamente. Quindi se avete bisogno di un tablet mentre siete in giro durante un trekking, un viaggio in bici o con un van, avrete bisogno di una batteria sicuramente più capiente.

Concludendo, questo tipo di fonte di energia lo si può utilizzare per un’escursione di uno o due giorni, per un piccolo viaggio in bicicletta o per un giorno in spiaggia se si è rimasti senza batteria della macchina fotografica o del cellulare. Semplice da trasportare, pratico e economico.

 

Pannelli solari da trekking

Si tratta di veri e propri pannelli solari in versione ridotta. In questo caso la varietà è più forte e le differenze in prezzo più forti. E qui entra in gioco anche il wattaggio. Si tratta della misura della potenza che il pannello è in grado di erogare. Detto in soldoni: ogni cosa che consuma energia richiede un certo numero di watts (se non c’è scritto sull’etichetta si possono moltiplicare voltaggio per amperaggio). Più watts eroga un pannello solare più cose si possono caricare contemporaneamente. Per farci un’idea più precisa un pannello solare da trekking da 50 watts costa intorno ai 100 euro e permette di caricare senza problemi smartphone e tablet senza problemi.

Pannelli solari da trekking

Per poter ricaricare invece anche il pc o piccoli elettrodomestici, ci sarebbe bisogno di pannelli solari da 100 watts. Qui la cosa è più complicata perchè questo genere di rendimento te lo dà un pannello solare grande (1.5 metri  x 0.5 metri). Esistono versioni ridotte da trekking o avventura che dir si voglia, ma la spesa inizia ad essere bella impegnativa. Parliamo infatti di un migliaio di euro. Link a treggo.

 

Ricaricare il pc in viaggio

Bè se non si dispone di un camper ben attrezzato o di un allaccio alla corrente, la cosa è complicata. Non mi avventuro nella stesura di informazioni dal momento che non sono abbastanza preparato sul tema (per ora :)). Rimando un link ad un articolo completissimo degli autori di vivere in camper.

Pannelli solari per van

 

 

crediti foto: tregoo.com, krossbowRick McCharles on Visualhunt / CC BY

 

Lascia un commento