Corfù Town: una città tutta da scoprire

Home » Grecia » Corfù Town: una città tutta da scoprire

Corfù è una delle isole più belle e caratteristiche della Grecia, situata nel mar Ionio e facente parte dell’arcipelago delle Isole Ionie. Conosciuta per essere stata, secondo i racconti di Omero, l’isola in cui Ulisse si invaghì di Nausicaa, Corfù è famosa per le sue bellissime spiagge di sabbia o ciottoli, la natura selvaggia e le sue storiche attrazioni culturali.

Tra le cose più interessanti da visitare sull’isola ci sono la Chiesa di San Spiridione, a Corfù Town, il Palazzo Reale, il quartiere del Campiello, la Spianada e le attrazioni paesaggistiche della costa come Paleokastritsa e Sidari.

Con una posizione geografica privilegiata a sud dell’Albania e non troppo distante dalla Puglia, Corfù è facilmente raggiungibile sia in aereo che in traghetto dai porti di Bari e Brindisi. Scopriamo cosa vedere nel capoluogo di questa splendida isola.

Cosa vedere a Corfù città

Corfù città, conosciuta anche come Kerkira, è il capoluogo dell’omonima isola situata nel Mare Ionio. La città è caratterizzata da un labirinto di vicoletti lastricati di ciottoli stretti e tortuosi, che la popolazione locale li chiama con il nome di “kantounia”, che nascondono piazzette e caffè tradizionali oltre a numerosi ristoranti. 

Nel centro storico della città greca si trovano diverse attrazioni da visitare, come la Fortezza Nuova e quella vecchia costruite entrambe dai veneziani, il Liston, un viale costruito in stile francese dall’impressionante somiglianza con Rue de Rivoli a Parigi e il Museo Archeologico Nazionale che ospita ancora oggi i preziosissimi resti del tempio di Artemide.

A pochi chilometri dal centro storico si trova anche il palazzo di Achilleion, costruito per l’Imperatrice Elisabetta di Austria, nota anche come Sissi, e oggi sede di un museo. Altre attrazioni da visitare a Corfù Town includono la chiesa di Agios Spyridon, il museo bizantino di Antivouniotissa e la penisola di Kanoni, dove si trova il Monastero di Vlacherna.

Inoltre, durante il periodo di dominazione veneziana, Corfù Town fu la sede della Repubblica di Venezia in Grecia e oggi è possibile vedere ancora molti edifici in stile veneziano.

Palazzo Reale di Corfù

Il Palazzo Reale di San Michele e San Giorgio è un imponente edificio storico situato nella città vecchia di Corfù Town, vicino alla Fortezza Vecchia e al mare. Fu costruito all’inizio del XVIII secolo come residenza per l’Alto Commissario Lord Sir Thomas Maitland, che in quel momento era il governatore delle isole ioniche.

All’epoca era anche la sede dell’Ordine di San Michele e San Giorgio, da cui ha tratto il suo nome. In seguito, il palazzo è stato utilizzato come residenza reale dal re greco fino al 1967. 

vista della fortezza antica di corfu al tramonto
Una vista della fortezza antica di Corfù

Oggi il palazzo è aperto al pubblico e ospita il Museo di Arte Asiatica (l’unico del suo genere in tutta la Grecia) e una galleria d’arte che espone mostre provenienti da tutto il mondo. Il Museo di Arte Asiatica è sorprendente, con oltre 11.000 oggetti della cultura cinese, coreana, indiana e giapponese, tra cui quadri, sculture, porcellane, bambole cinesi contemporanee, ecc. 

Il museo è aperto tutti i giorni tranne il lunedì, dalle 8:00 alle 16:00. I mobili originali e gli interni del palazzo sono ottimamente conservati, e il giardino ben curato è un bel posto per passeggiare e farsi le solite foto di rito.

Spianada

La Spianada di Corfù città è una delle principali attrazioni turistiche dell’isola di Corfù, in Grecia. 

Un tempo l’area della piazza era una fortificazione tra il castello e la città, dove non era permessa alcuna costruzione in modo da poter essere utilizzata per attività militari. Nel 1628, la piazza è diventata un luogo di attività sociali.

Situata nel cuore della città vecchia, si dice che sia la più grande piazza dei Balcani: si tratta di uno spazio aperto e che si estende per circa 10.000 metri quadrati. È un luogo ideale per passeggiare, prendere il sole e godere della vista sulla città e il mare. La piazza è circondata da edifici storici, come il Municipio di Corfù e il Palazzo del Governatore, oltre che da numerosi caffè e ristoranti dove è possibile sedersi all’aperto e godere dell’atmosfera della città. 

La Spianada è anche il luogo ideale per assistere a eventi culturali, come concerti e spettacoli, che vengono spesso organizzati durante l’estate. Inoltre, la piazza ospita anche il Mercato delle Pulci, una popolare attrazione per gli amanti dell’antiquariato e delle cose vintage. In sintesi, questa bella piazza di Corfù Town è un luogo incantevole e pieno di vita, che rappresenta il cuore e l’anima della città di Corfù.

Un tocco di Parigi a Corfù: il Liston

Il Liston di Corfù è un viale situato vicino alla piazza Spianada, che ha una somiglianza impressionante con la Rue de Rivoli a Parigi. Si racconta che il viale sia chiamato Liston perché alle porte della città ci fosse una lista delle persone che potevano o meno passeggiarvi.

Oggi il Liston è un luogo di incontro per i residenti di Corfù dove si può gustare un buon caffè o un ouzo in compagnia di amici. Sul lato opposto del Liston si trova l’ingresso alla Paleo Frurio, la vecchia fortezza di Corfù costruita dai veneziani per proteggere la città dopo l’assedio turco del 1537. All’interno della fortezza si trova la basilica di San Giorgio. Sul lato settentrionale del Liston si trova la Residenza Reale, oggi adibita a museo d’arte asiatica e biblioteca pubblica.

Una vista del centro storico “moderno”

Attraversando il portico del palazzo poi si arriva ad una zona della città chiamata “Muraglia”, dove si trova la casa del poeta nazionale Dionisos Solomos, oggi sede di un museo. Una scalinata porta poi alla famosa chiesa di Antivuniotissa, un’antica basilica a tre navate diventata oggi museo di icone bizantine molto antiche.

Chiesa di Agios Spyridon

La Chiesa di Agios Spyridon – in italiano San Spiridione – situata a un isolato di distanza dal Liston, è dedicata a un pastore che divenne vescovo e che, secondo la leggenda, salvò l’isola da diversi disastri, tra cui l’assedio turco del 1716. 

Le sue spoglie si trovano in una teca d’argento accanto al presbiterio, e sono state trasportate sull’isola di Corfù da Costantinopoli a dorso di un asino nel XV secolo. 

La chiesa è facilmente riconoscibile per il suo alto campanile a punta rossa e per l’orologio, e, insieme alla Cattedrale di Santa Teodora, è considerata la chiesa principale dell’isola. 

Costruita nel 1590, la piccola basilica a navata unica è meta di pellegrinaggi da parte di fedeli e visitatori. Sul soffitto a cassettoni con cornici dorate sono presenti splendidi affreschi che raffigurano scene della vita del santo, mentre l’iconostasi marmorea attira l’attenzione per le sue linee classiche, con un frontone e colonne corinzie che delimitano i dipinti. 

La chiesa possiede anche tesori inestimabili e offerte votive. Il campanile, il più alto delle isole ioniche, somiglia molto a quello della Chiesa di San Giorgio a Venezia. La Chiesa di Agios Spyridon è aperta al pubblico e visitabile gratuitamente dalle 8:00 alle 21:00.

Palazzo Achilleion: il rifugio della principessa Sissi

L’Achilleion è un palazzo situato vicino alla città di Corfù, su una collina che si affaccia direttamente sul mare. 

La sua storia è relativamente recente, poiché i lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1890 su richiesta dell’Imperatrice Elisabetta d’Austria, conosciuta nel mondo come la Principessa Sissi, che cercava un luogo tranquillo per elaborare il lutto per la perdita del suo unico figlio. 

L’architetto italiano Caritto progettò il palazzo in stile pompeiano ispirandosi alla figura leggendaria di Achille. Realizzato principalmente in marmo bianco e ornato da statue di vario tipo, l’Achilleion è un edificio straordinario che domina il paesaggio circostante. 

I giardini fioriti e rigogliosi, che erano una fonte di orgoglio per la Principessa Sissi, che amava passeggiare fra i roseti, sono una delle attrazioni più belle del palazzo. Nell’Achilleion e nei suoi giardini si possono trovare riferimenti ai poemi omerici più amati dalla Principessa, come Il Canto degli Eroi e l’Odissea. 

Tra le cose da vedere all’Achilleion, non si può perdere la statua dell’Achille Morente o l’affresco del Trionfo di Achille. Inoltre, il giardino botanico straordinario è una delle parti più belle del palazzo, dove si possono passeggiare tra roseti e piante esotiche immersi nel verde. 

L’Achilleion è anche circondato da un bosco che, sempre su richiesta della Principessa, porta direttamente al mare. Nel corso degli anni, il fascino e la bellezza di questo palazzo hanno attirato personaggi di ogni tipo e la location è stata anche utilizzata come set per diversi film, tra cui uno della saga di James Bond.

L’Achilleion è sicuramente un luogo incantevole da ammirare a bocca aperta e non perdere durante una visita nell’isola di Corfù.

Slow Moove Blog di Viaggi
Su questo Blog

Ciao siamo Andrea ed Inés, nel 2018 abbiamo iniziato a viaggiare e non ci siamo più fermati, nel frattempo abbiamo anche creato il nostro studio di marketing, Verbena.