Categorie
Blog

Da dove viene l’amaca?

Home » Blog » Da dove viene l’amaca?

Ti starai chiedendo probabilmente “cosa centra l’origine dell’amaca su un blog di viaggi?”. Ebbene si, le due cose sono strettamente correlate.

Innanzitutto non si tratta di un’invenzione di origine europea, bensì latinoamericana. Molti erano infatti i popoli originari sud americani che la utilizzavano correntemente nella vita di tutti i giorni.

Ancora oggi in effetti non è poi così difficile alloggiare in posti in cui i letti sono sostituiti con delle amache. Perfino in molti hotel, anche di alto livello, è piuttosto frequente trovare delle amache enormi che attraversano per intero le stanze o spazi “living”. Ne abbiamo parlato più approfonditamente in questo articolo che parla delle cose da fare in Messico.

In Europa furono introdotte per la prima volta da Cristoforo Colombo che le adottò come brande per i suoi marinai durante le traversate transoceaniche. In effetti era una soluzione assai più igienica rispetto ai classici “materassi” spesso fatti di paglia o altro materiale organico che spesso erano infestati da animaletti e parassiti.

La prima volta che un Europeo vide un’amaca fu quindi durante la prima metà del 1500. In particolare, le cronache dell’epoca riportano che fu la spedizione di Colombo presso le attuali isole Bahamas che resero possibile “l’incontro”.

Bimbo che riposa su un amaca - Slow Moove Blog di Viaggi

Se proprio vogliamo essere precisi furono i Taino che fecero fare la scoperta ai naviganti europei. Essi utilizzavano le amache per poter riposare in alto fra gli alberi, stando così a riparo da predatori ed altre possibili minacce.

Con il passare degli anni e l’aumento degli studi sugli usi e costumi delle civiltà pre-colombiane si arrivò poi alla conclusione che gli inventori dell’amaca furono i Maya.

Che tipi di amache esistono?

Oggi abbiamo a disposizione tantissimi tipi di amaca con destinazioni d’uso differenti.

Amaca a dondolo

Se hai viaggiato in sud america sicuramente ne avrai vista qualcuna nei bar più in voga tra i viaggiatori. Sono come dei sacchi vuoti appesi al soffitto che si possono utilizzare come se fossero delle poltrone. Ne esistono di tante forme e dimensioni. Troverai tantissime opzioni all’interno della web degli amici di Tropilex.

Amaca Messicana

Le amache messicane a mio avviso sono le più belle di tutte. Sono tutte rigorosamente fatte a mano intrecciando ed annodando i tessuti. Tendono inoltre ad essere molto grandi e comode. Se sei tra quelli che vengono mangiati vivi dalle zanzare in estate è sicuramente una buona opzione perchè le puoi ripiegare su se stesse mentre ci sei steso dentro.

Non male vero?

Amaca Brasiliana

Anche i Brasiliani quando si parla di amache conoscono il fatto loro. Anche se sono meno frequenti da trovare quando si viaggia, sono comunque piuttsto tipiche ed apprezzate, soprattutto nelle regioni più calde del nord.

dall'origine dell'amaca alle moderne amache
Le amache possono essere anche complementi d’arredo preziosi.

La grande differenza con le altre amache è che presentano bordini più o meno ricamati che le rendono facilmente riconoscibili.

Amaca da campeggio o da trekking

Non tutti sono degli amanti delle amache tradizionali. Da sempre nei campeggi e in giro per le montagne si vede gente fare una siesta o passare la notte appesi tra due alberi.

E’ possibile perfino trovare amache ultraleggere da trekking che per i più avventurosi possono sostituire addirittura la tipica tenda ed il materassino. Sicuramente non si tratta della soluzione più comoda ma sicuramente è un’esperienza interessante.

Questo articolo è un guestpost finalizzato alla sponsorizzazione di prodotti di terzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *