visitare le catacombe di parigi

Come visitare le catacombe di Parigi: entrata e prezzi

Andrea

Home » Francia » Come visitare le catacombe di Parigi: entrata e prezzi

Anche a te è venuta l’idea di farlo ultimamente ma non hai ben chiaro come visitare le Catacombe di Parigi, vero? Bene, qui ti forniamo una breve guida e qualche informazione.

Le catacombe di Parigi sono sicuramente uno dei luoghi resi più famosi ultimamente da tutta una serie di film e serie ambientati nella capitale francese. Si tratta di un posto misterioso ma al tempo stesso pieno di fascino a riguardo del quale si sono prodotti centinaia di testi, moltissime opere di letteratura, film e molto altro.

Come visitare le catacombe di Parigi

Partiamo subito da un presupposto: è possibile visitare le catacombe solo ed esclusivamente nelle zone indicate come accessibili per fini turistici.

Tutto quello che si vede sui film che parlano di questo complesso di cunicoli o su alcuni video di youtube è falso, illegale oppure direttamente inventato. Lungo molte strade della città esistono vari ingressi la maggior parte dei quali sono stati recintati oppure murati.

Si tratta di un vero e proprio labirinto ed ovviamente il comune non ha interesse che la gente ci si infili liberamente.

Entrata delle catacombe

L’unica entrata lecita è quella che si trova in Avenue du Colonel Henri Rol-Tanguy numero uno. Da qui è possibile accedere in sicurezza ad un percorso lungo circa un chilometro e mezzo durante una visita guidata di circa un’ora.

Si tratta comunque di una serie di cunicoli angusti che permette ad un numero limitato di persone di entrare contemporaneamente. Normalmente il tetto massimo è di 200 persone. E’ quindi caldamente raccomandata la prenotazione per non rischiare di fare una fila, spesso molto lunga, per nulla.

Alcune raccomandazioni

Sebbene sia un posto sicurissimo e non ci sono incidenti rilevanti registrati durante le visite è bene tenere a mente alcune cose.

  • I tunnel non sono preparati per accogliere persone con problemi di mobilità e in alcuni punti l’altezza è inferiore al 1,8 metri.
  • Normalmente fa freddo. La temperatura media è di 14 – 16 gradi con molta umidità, quindi è raccomandabile portarsi dietro qualcosa con cui coprirsi.
  • La visita alle catacombe dura circa un’ora, se si soffre di claustrofobia bisogna tenerlo in considerazione.

Catacombe di Parigi – prezzo

Nel momento in cui scriviamo questo articolo il prezzo dell’entrata alle Catacombe di Parigi è di €12.

Il biglietto ridotto costa 10.00 euro ed è destinato a:

  • Giovani tra 18 – 26 anni
  • Insegnanti
  • Famiglie numerose
  • Affiliati alla società d’arte e antiquariato francese

I disabili, i loro accompagnatori, disoccupati, abitanti di Roma e Parigi e minori di 17 anni non pagano. I romani entrano gratis perché le due città sono gemellate.

come visitare le catacombe di parigi
Un dettaglio di un muro delle catacombe

Ma cosa sono esattamente?

Si tratta di una serie di tunnel sotterranei per sopperire alla mancanza di spazio nei cimiteri della città.

Parigi era una delle più grandi città europee già nel 900 d.c. a quell’epoca i morti venivano seppelliti sfruttando delle strutture cimiteriali fuori dalle mura cittadine oppure, soprattutto nei casi dei più poveri, utilizzando delle fosse comuni.

Man mano che la città si espandeva, una prima soluzione fu quella di utillizzare dei grandi buchi in aree urbane che venivano utilizzati come fosse comuni per la fascia di popolazione meno abbietta.

Risultato: sebbene i morti venivano ricoperti con la calce, i numerosi “buchi pieni di morti” iniziavano a creare problemi sanitari soprattutto legati alla salubrità dell’acqua che veniva estratta dai pozzi che rifornivano tutta la città.

Nel 1600 si arrivò ad un punto in cui il numero di cadaveri in decomposizione era troppo alto da gestire per una città del genere si dovette trovare una soluzione. In più ci si metteva il clero che, chiedendo un corrispettivo per ogni sepoltura, continuava a sfruttare le fosse comuni senza curarsi troppo delle conseguenze.

Una serie di decreti nel 1700 riuscirono a contenere il fenomeno delle sepolture comuni ed allo stesso tempo stabiliva l’inumazione dei cadaveri e la ricollocazione delle ossa.

Fu così che partendo dai cunicoli già esistenti di una cava di gesso, calcare ed argilla iniziarono a prendere forma le catacombe parigine così come le conosciamo oggi.

Se stai pianificando un viaggio a Parigi, ti consigliamo di dare un’occhiata a viaggiparigi.it per trovare altre guide interessanti.

Catacombe di Parigi: cosa vedere?

Fu così che il 7 aprile del 1788 vennero innaugurate, o meglio, consacrate, le catacombe di Parigi così come le conosciamo adesso.

La costruzione dei muri fatti di ossa, cranei e cimeli funerari iniziò pero durante la seconda decada del 1800 quando i resti umani furono distribuiti uniformemente in parte delle catacombe ed organizzati così come li vediamo adesso.

Il motivo principale per il quale visitare le catacombe di Parigi è appunto dato dalla decorazione fatta con versi umani.

In particolare, le spoglie sono organizzate in maniera artistica ed in molti casi riproducono artisticamente alcuni versetti della Bibbia.

Oltre all’interesse culturale, entrare nelle catacombe di Parigi è un’esperienza unica nel suo genere che secondi molti potrebbe ricordare la discesa agli inferi descritta dai versi danteschi o omerici.

Per entrare nelle catacombe è infatti necessario scendere lungo una scala a chiocciola ricavata dalla stessa pietra al termine della quale ci si ritrova davanti ad un ossario ed un simpatico cartello che recita in francese “Fermati, questo è il regno della morte!”. Non male vero?

Versi, versetti e citazioni macabre sono poi sparse un po’ ovunque lungo le scure gallerie non troppo illuminate.

Altra peculiarità che spinge molti a visitare le Catacombe di Parigi è la presenza di varie sculture e piccoli monumenti come la Fonte della Samaritana, la Cripta Sacellum, la copertura del Lacrimatorio dedicata a N. Gilbert e, non per ultima, l’imponente cripta della passione sorretta da pilastri fatti di teste ed ossa.

Altri articoli dal Blog