spiagge nord est sardegna

Sardegna, 5 spiagge dove fare il bagno sulla costa nord-est

Andrea

Home » Sardegna » Sardegna, 5 spiagge dove fare il bagno sulla costa nord-est

Per vivere una vacanza all’insegna del mare e delle spiagge, una delle soluzioni migliori è raggiungere la costa nord-est della Sardegna, lungo la quale si trovano molti lidi letteralmente paradisiaci, in un’atmosfera costiera e marina senza eguali.

Per arrivare a destinazione, si può sfruttare uno dei principali scali passeggeri del Mediterraneo, ovvero il porto di Olbia, porta di accesso, dalla terraferma, alla Costa Smeralda, ma anche a Porto Rotondo e all’arcipelago La Maddalena. Usufruendo dei collegamenti marittimi si arriverà comodamente nei pressi delle spiagge più rinomate della Gallura e dell’intera regione.

Può risultare funzionale, oltre che piacevole, la partenza dalla Toscana in nave: i traghetti da Livorno ad Olbia impiegano mediamente otto ore; eseguita da diverse compagnie di navigazione, la tratta viene percorsa tutto l’anno giornalmente.

Dove andare in spiaggia in Sardegna

La Playa di Pittulongu 

Subito dopo lo sbarco, non può quindi mancare un bel bagno. La Playa di Pittulongu (Puntale Lungo), distante circa otto chilometri dal centro storico olbiese, è una bellissima spiaggia di sabbia fine e chiara con tante conchiglie sulla riva. Prediletta dai residenti, è ideale per le famiglie con bambini, in quanto i fondali sono bassi e digradanti e il mare è molto pulito.

Presenti stabilimenti balneari attrezzati, noleggio barche e pedalò, ma anche lunghi tratti liberi e bagni pubblici. Un comodo parcheggio, inoltre, è disponibile gratuitamente proprio sul litorale. Si può pure noleggiare un natante e visitare l’isola di Tavolara.

Spiaggia di Ira 

Sulla traiettoria che ci porterà, da qui, percorrendo il lungomare verso nord, fino a Palau, da dove è possibile raggiungere l’arcipelago La Maddalena, la prima, immancabile, tappa per andare al mare è sicuramente Porto Rotondo. In zona troveremo la spiaggia di Ira o Rena Manna, ampio litorale di sabbia fine e bianca protetto da due promontori e baciato da acque azzurre cristalline, con fondali medio-bassi.

La principessa Ira von Fürstenberg abitava da queste parti, circostanza che ha ispirato l’attuale nome della spiaggia. Ci sono sia tratti liberi che attrezzati, con lettini, ombrelloni, bar e ristoranti. Anche qui c’è un ampio parcheggio gratuito.

Spiaggia del Principe

A questo punto non resta che dirigersi, per andare in spiaggia, sulla Costa Smeralda. Imperdibile la spiaggia del Principe, interamente libera. Chiamata Poltu Di Li Cogghj (Porto delle pelli), ha poi cambiato denominazione perché situata nella baia preferita dal principe Karim Aga Khan IV.

La sabbia è finissima, anche sul fondale, ed è adiacente alla vegetazione, con la macchia mediterranea che caratterizza il paesaggio retrostante e i promontori di granito rosa che affondano nel mare limpidissimo. Non sono presenti stabilimenti concessionari ma c’è un bar dove si possono anche noleggiare attrezzature balneari.

Spiaggia del Grande Pevero

Non distante dalla zona più amata dal principe Aga Khan, il quale, rimanendo colpito in realtà dall’intero territorio compreso nei comuni di Olbia ed Arzachena, ha voluto dare un notevole impulso allo sviluppo turistico dell’area, si trova l’incantevole spiaggia del Grande Pevero, a forma di mezzaluna, circondata da rigogliosi cespugli e profumati ginepri, e bagnata da un’acqua di mare trasparente, che cambia di colore, dall’azzurro al verde, con il variare della luce.

La dimensione dei granelli è molto piccola, e rende più che soffice la bianchissima sabbia. Non mancano i servizi balneari e di ristorazione e, non lontano, sono ubicati esclusivi centri golfistici.

Spiaggia di Cala Spalmatore

Non resta che imbarcarsi per l’isola di La Maddalena, nel parco geomarino nazionale, con destinazione spiaggia di Cala Spalmatore, vicina al centro ma mai troppo affollata. Incorniciata dalle tipiche formazioni rocciose rivestite di lussuriose composizioni vegetali arbustive, è costituita da sabbia di granelli grossi, che compone anche i fondali, incredibilmente colorati dai minerali del granito, che digradano dolcemente.

Qui è possibile rifocillarsi al bar o al ristorante, noleggiare sia sedie a sdraio, lettini e ombrelloni, che kayak e pedalò, o fare snorkeling per ammirare i tanti esemplari di fauna e flora marina che popolano la zona di mare non distante dalla costa. 

Stai pianificando un viaggio in Sardegna? Dai un’occhiata anche ai nostri articoli sul Sulcis Iglesiente e sulla città di Alghero.

Contiene inserimenti pubblicitari