Categorie
Blog

Come visitare le cascate di Iguazú in Argentina o Brasile

Visitare le cascate di Iguazù è sicuramente un must se ti trovi a viaggiare in Argentina oppure in Brasile meridionale. Una volta arrivato vicino ai vari punti di caduta, sono rimasto lì sotto impalato con la faccia da scemo per circa mezz’ora. Stiamo parlando di una delle cascate più grandi al mondo, al pari delle Cascate Vittoria e di quelle del Niagara. Costituiscono la seconda riserva d’acqua del continente Americano, secondo solo al Parco dei Ghiacciai andino. Oltre a poter vedere uno spettacolo incredibile prodotto dall’acqua, è facilissimo incontrare esemplari della fauna locale.

Visitare le cascate di Iguazú - Slow Moove

Come visitare le Cascate di Iguazú

Quando si ripartirono i territori in Sud America tra Paraguay, Argentina e Brasile, si utilizzarono tra le altre cose i fiumi. Il Fiume Iguazù è uno di essi. Si da inoltre il caso che questo corso d’acqua sia anche originato dalle acque di un altro gigante d’acqua, il Rio Paranà. L’intersezione tra questi grandi corsi d’acqua da origine ad un triangolo che divide i tre Paesi. Nel punto d’incontro esiste anche un monumento che lo segnala. Le cascate invece, si trovano a cavallo tra Argentina e Brasile.

Visitare le Cataratas dal territorio Brasiliano.

Assolutamente niente di complicato. E’ sufficiente raggiungere la cittadina di Foc de Iguazu. E’ una città con ostelli, hotel e hotel di lusso. Capace di accomodare senza nessun problema tutti coloro i quali vogliano visitare le cascate di Iguazú. A partire da chi viaggia con lo zaino in spalla fino a chi ha un budget più elevato.

La città è piena di centri commerciali, attività urbane, punti d’interesse per turismo d’avventura è molto altro. Nei dintorni sono anche presenti un giardino zoologico dedicato agli uccelli (Parque das Aves) e un museo della cera.

Ovviamente le Cataratas de Iguazu, si trovano nell’area protetta di un parco nazionale. E’ raggiungibile in auto, taxi e autobus. L’entrata nel 2019 ci è costata 35 Reais per persona con incluso il trasporto in autobus con vista dal punto d’entrata alle varie fermate.

Qui nel lato brasiliano è possibile avvicinarsi alle cascate sia in barca che tramite un sistema di passerelle. L’escursione in barca ha un costo di circa 50 euro per persona. Valgono la pena perché le barche entrano all’interno delle cascate minori.

Per quanto riguarda il circuito di passerelle è una semplice passeggiata che percorre i punti panoramici principali. Perché vale la pena visitarle da territorio brasiliano? Be perché da qui è possibile avvicinarsi al punto di caduta delle cascate più grandi. Si può osservare la maestosità dell’acqua. E’ una cosa davvero incredibile da vedere dal vivo.

Per concludere, non dare retta a chi ti dice di andarci al mattino presto. Fanno tutti così e come risultato c’è un sacco di gente. Andando un pochino più tardi, invece, ci sarà mooolta meno gente e avrai comunque il tempo di visitare tutto. Considera che avrai bisogno di circa 3 ore per fare tutto.

Visitare le cascate di Iguazú in Argentina

Visitare le cascate dal lato Argentino.

Qui la località che ti interessa è un piccolo centro urbano di nome Puerto de Iguazù. Ora, se pianifichi di visitare le cascate di Iguazú da entrambi i lati non c’è bisogno di spostarsi. Puoi indipendentemente alloggiare o in Argentina o in Brasile e attraversare facilmente il confine.
Il parco nazionale argentino è leggermente differente. Non ti puoi avvicinare tanto alle cascate più spettacolari ma ci puoi camminare su! Mi spiego meglio.

Dopo aver pagato l’entrata, 700 Pesos, potrai andare a piedi ovunque. La camminata più lunga è di 2km ma è anche servita da un trenino. Anche in questo caso ci troviamo con un sistema di passerelle facile da percorrere. La spettacolarità del lato argentino è data dal fatto che puoi letteralmente camminare sulle cascate e vedere come cade l’acqua sul lato brasiliano del fiume. Assolutamente incredibile.

Per poter visitare con completezza le cascate qui c’è bisogno di più tempo. Noi siamo entrati intorno alle 9:30 e siamo usciti intorno alle 16:00. Se alloggi in Brasile, può essere una buona idea contrattare un taxi. Mettendoci d’accordo con un signore, per il prezzo di 220 Reais siamo andati e tornati negli orari da noi scelti. Considerando che c’è di mezzo una frontiera e circa 70 km tra andata e ritorno, il prezzo era corretto.

Attenzione agli animali

In entrambi i lati la fauna è libera di proliferare. Quando decidi di visitare le cascate di Iguazú c’è da tenere in considerazione la presenza di animali di ogni tipo. Bisogna stare all’occhio soprattutto quando si mangia e quando si passa vicino alle scimmie nel lato argentino. In tutte le area pic-nic ci sono i Nasua. Sono dei simpatici cosetti a metà tra un orsetto lavatore e una puzzola delle dimensioni di un cane, diciamo di un beagle. Il problema è che quando fiutano del cibo. Prima iniziano a infilare il naso ovunque poi saltano sui tavoli e se si incazzano mordono pure. Non sono pericolosi ma basta stare all’occhio.

Poi ci sono le scimmie. Non sono aggressive ma rubano. Mentre eravamo sulle passerelle, una signora stava facendo una foto con il telefono. Una scimmia si è calata da un albero alle sue spalle e mentre ciondolava dal ramo le ha aperto lo zaino e rubato una scatola di biscotti. Dopodiché in gruppo sono anche state capaci di aprirla e mangiare i biscotti. Se credi che il tuo telefono o macchina fotografica possa sembrare una scatola di biscotti agli occhi di una scimmia, nascondili bene.

Vista delle cascate di Iguazú

Fare shopping in Paraguay

Una cosa che abbiamo scoperto mentre eravamo da queste parti è che in Paraguay i prezzi sono più bassi. Visitare le cascate di Iguazú e trovare un momento per attraversare la frontiera è una buona idea. Ne abbiamo infatti approfittato per fare un piccolo cambio di armadio durante il nostro viaggio a lungo termine. Le marche sono grosso modo le stesse che si trovano in Europa e i prezzi molto più ragionevoli che nel resto del Sud America.

In particolare, gli outlet offrono prezzi davvero stracciati. Bisogna però stare attenti alle falsificazioni. Pur essendo un paese senza uscite al mare, il Paraguay è un paese portuario grazie ai suoi fiumi. Funge quindi da porta di ingresso per merce contraffatta di ogni tipo. Tuttavia, a quanto abbiamo capito se ti rechi in un centro commerciale “normale” non dovrebbero esserci problemi.

Mi sarebbe anche piaciuto comprare una fotocamera compatta da viaggio ma purtroppo i prezzi non erano tanto più bassi che in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *