Guida all’acquisto di un van per viaggiare

Home » Vanlife » Guida all’acquisto di un van per viaggiare

Comprare un Van o un furgone non è una cosa da niente. Può risultare molto complicata, specialmente se si capisce poco di motori. Inoltre nel caso dell’acquisto di un veicolo con cui viaggiare, la scelta si complica vista la miriade di extra, optional e accessori vari con cui bisogna fare i conti.

Come sempre la soluzione migliore è documentarsi e, ovviamente, la prima cosa che ci viene in mente è cercare su Google.

Gira che ti rigira si finisce sempre sui forum che parlano del tema. Il problema dei forum è che quasi sempre, sono scritti da appassionati e gente con un livello di esperienza piuttosto elevato. Quello che a primo sguardo può sembrare un ottimo aspetto, nel caso di temi complessi come appunto il viaggiare con un van o con un camper può rivelarsi in realtà una vera e propria complicazione.

👀 Occhio, ho scritto questo articolo nel 2018, ma negli anni ho continuato ad aggiornarlo per cercare di renderlo più interessante possibile. Quindi se vuoi un consiglio leggi fino in fondo.

Il furgone è infatti il santuario del viaggiatore che opta per questo genere di avventure e ognuno ha la propria teoria e muore dalla voglia di spiegarla. La ricerca di informazioni, almeno nella mia esperienza, si è rivelata una cosa complicatissima. Se poi aggiungo alla lista di difficoltà che sono finito su forum tema van in italiano, inglese e spagnolo, è presto detto che nel mio caso le cose si sono moltiplicate.

comprare furgone per viaggiare
Il nostro t4 da 300.000 km

In questo articolo cerco di fare un riassunto di quelle che sono le ragioni che ci hanno spinto a comprare il nostro furgone. La fonte delle informazioni raccolte è sia il web che gente che utilizza un van come mezzo di trasporto per i propri viaggi.

👉 Un ultima premessa: non parlerò di prezzi, pertanto si tenga in considerazione che questa mini guida è basata su un livello di spesa medio-basso (per quanto effettivamente caro possa essere l’acquisto di un veicolo).

Anno del veicolo

Parlando di furgoni l’anno del veicolo conta fino a un certo punto. Il problema reale che sorge con l’età di un veicolo è, in realtà, legato all’uso che se ne è fatto e di come è stato curato. Ho visto van attrezzati con appena 5 anni ridotti in condizioni pessime e altri di 30 anni che sembrano usciti dal concessionario due giorni prima.

Il consiglio che mi sento di dare è di prendere in considerazione veicoli camperizzati che non siano mai stati usati per usi lavorativi e che soprattutto che non siano mai stati usati per trasporti di carichi pesanti.

In linea di massima puoi iniziare a storcere il naso quando vedete un annuncio con un furgone bianco tipico da impresa di costruzione. E ricordare di far fare sempre una revisione da un meccanico specializzato prima di comprarlo. Non cercare mai di risparmiare sulla revisione: 200 euro investiti in una revisione che non va a buon fine (a noi è successo) potrebbero farti risparmiare migliaia di euro.

come scegliere un van

Il motore. Le dimensioni contano!

Le dimensioni del motore sono direttamente proporzionali alle prestazioni che si ottengono durante la guida. Un motore grande tendenzialmente corre di più, un motore piccolo corre di meno. Semplicissimo. Ma non dimentichiamoci che a noi interessa viaggiare non correre con un coso da 2.000 chili sotto il sedere.

Quindi per poter guidare tranquillamente su lunghe tratte senza farsi superare dai tir o senza tornare indietro nei tratti di montagna, è necessario trovare un buon equilibrio. Un motore diesel oltre i 2.000 cc e intorno ai 100 cavalli è un ottimo compromesso tra prestazioni e consumi. Noi abbiamo optato per un 2.400 TDIda 150 cavalli. Consuma il giusto, se c’è da accelerare non fa troppa fatica e in montagna si comporta molto bene.

👉 Consiglio piuttosto prezioso ricevuto mesi dopo l’acquisto: i veicoli di grandi dimensioni con pochi cavalli motore consumano di meno (entro certi limiti), quindi puntare ad una motorizzazione oltre i 2.000 cc con più di 100 cavalli non è una cosa da sboroni ma una scelta saggia. In effetti il nostro T4 consuma come una macchina normale.

acquistare un furgone per viaggiare
Chi ha detto che un van è sempre la scelta giusta?

Componenti elettronici del van. Elettronica si, elettronica no.

Qui si apre un mondo. Inutile specificare che dipende dall’anno di produzione del van e della marca del furgone. L’elettronica di bordo offre mille vantaggi. In qualsiasi momento del viaggio ti consente di fare un check-up del furgone, ci sono mille indicatori che ti avvisano di qualsiasi cosa, aiutano con la stabilità del veicolo, con i consumi, ecc ecc… Ma cosa succede se si rompe qualcosa nel mezzo del nulla? Magari in qualche paesino di montagna dove il meccanico non è attrezzato con gli strumenti di diagnosi adatti? Facile. Rimani lì e devi chiamare il carro attrezzi.

Un veicolo camperizzato con poca elettronica presenta due vantaggi principali.

  1. Se il van ti si rompe nel bel mezzo del viaggio, è molto più semplice trovare qualcuno che ci metta mano. Inoltre, se un po’ alla volta acquisisci esperienza in materia di mantenimento del van, è molto più semplice trovare soluzioni fai-da-te.
  2. Sostituire pezzi di un furgone meno tecnologico è più semplice. Questo è dovuto in primis al fatto che nel mercato di seconda mano è molto più semplice trovare pezzi di ricambio. Altro fattore che aiuta è che si tratta di pezzi provenienti da veicoli più datati e quindi più economici.

La marca purtroppo conta

E’ inutile girarci attorno. Esistono marche che producono van fatti per durare e altri che producono furgoni che sono destinati ad un consumo molto più rapido. Le case automobilistiche come Opel, Renault, Citroen, ecc costruiscono veicoli che sono destinati all’uso intensivo per il trasporto merci e persone. Se parliamo di van come il Vivaro, il Traffic e altri che sono tutti uguali tra di loro ad eccezione dello scudetto, stiamo parlando di questo genere di vetture. Si tratta di van sicuramente validi ma non destinati a durare. Sfido chiunque a trovare un Vivaro che abbia 20 anni e che funzioni ancora bene.

Se si vuole andare su qualcosa di valido, bisogna rivolgersi a chi ne sa di outdoor e motori: i tedeschi. A livello di furgoni camperizzati e van, i migliori sono Mercedes e Volkswagen. In particolare del Vito e del Volkswagen Multivan o California. Se ben tenuti sono praticamente indistruttibili, non importa quanti chilometri abbiano già percorso, l’importante è che sia stata fatta la manutenzione e che nel corso degli anni non siano stati sempre e solo all’aperto.

Nel titolo scrivo “purtroppo” per una ragione ben precisa. Sono cari! Basti pensare che un t4 California del 1995 (quello con il tetto e il mobile all’interno), può ancora costare più di 10.000 euro pur avendo oltre 300.000 kms.

Camperizzazioni fai da te

Quando ho acquistato il mio T4 Multivan era già stato utilizzato in passato per viaggiare e, pertanto, uno dei proprietari aveva fatto installare un’impianto con batteria di servizio per poter avere delle prese della corrente all’interno da poter utilizzare quando si dorme. Questa cosa mi è sempre sembrata una figata perché oltre ad essere utile era un bel risparmio,

Non entrerò nello specifico della cosa ma abbiamo avuto un problema e ci è andata piuttosto di culo.

Ad un certo punto il sistema che caricava la batteria non funzionava più, pertanto non potevamo più utilizzare pc, frigo, ventilatore e quant’altro all’interno del van. Una volta portato dal meccanico risultava che il cablaggio era stato fatto con cavi troppo sottili, le guaine si erano fuse ed una delle derivazioni aveva praticamente preso fuoco sotto il cruscotto.

Una volta sistemata la situazione impiegando cavi a norma e piazzando fusibili praticamente ovunque, non solo è ripartita la batteria ma hanno iniziato a funzionare gli specchietti e il webasto.

👉 Morale della favola: se non sai, non mettere mano e se noti modifiche operate a posteriori, fai revisionare anche quelle. Ad ogni modo se vuoi dare un’occhiata al tema della camperizzazione, clicca qui.


Già letto le guide per gli accessori da viaggio di Slowmoove.com?

2 commenti su “Guida all’acquisto di un van per viaggiare”

  1. Io e il mio ragazzo stiamo giusto considerando l’idea da qualche settimana, veniamo da un anno passato a viaggiare su un Doblò camperizzato e ora vogliamo espanderci! Ottimo articolo, ricco di consigli che farò leggere anche a lui!

    • Ciao Giulia! Grazie mille 🙂 allora sicuramente ti farò qualche domanda visto che sei una veterana!Noi abbiamo preso un Multivan e stiamo cercando di capire di cosa avremmo bisogno per essere autonomi per viaggi di media e lunga durata. Man mano che scopriremo cose nuove le inserirò nel blog.

I commenti sono chiusi.